Perché l'oceano è così importante per la vita sulla Terra?

Perché l’oceano è importante per tutta la vita sulla Terra, quali minacce sta affrontando e come possiamo imparare a salvaguardarlo per costruire un futuro più sostenibile. 



Matt Hardy from Pexels
Scritto da
IOC-UNESCO
Data di pubblicazione
28 Aprile 2022
Tempo di lettura
11 minuti

Affermare che l’oceano è il cuore del nostro pianeta non sarebbe un’esagerazione. Il suo equilibrio e la sua salute sono essenziali per la sopravvivenza e la prosperità di tutte le forme di vita, umane e non.
Più di due terzi della Terra sono coperti d’acqua, ed è per questo che dovremmo chiamarlo Pianeta Blu. L’oceano, che contiene il 97% di tutta l’acqua del pianeta, è diviso in cinque bacini principali: Pacifico, Atlantico, Indiano, Artico e Meridionale. In realtà, però, è un unico enorme corpo d’acqua, chiamato anche “oceano globale” che collega tutto il mondo.

Questo incredibile corpo d’acqua non solo ci fornisce cibo, lavoro, vita e divertimento, ma funziona anche come sistema di supporto vitale per il pianeta, ed è essenziale comprendere la complessità del suo ruolo nelle nostre vite. 

Blue Schools Network
Matt Hardy from Pexels

Perchè l’oceano è così importante?

Ecco alcune informazioni sul ruolo dell’oceano nella nostra vita. Questi fatti potrebbero sorprendervi, e certamente vi convinceranno dell’importanza di sviluppare una relazione sostenibile con il nostro Pianeta Blu. 

  • L’oceano è il più grande ecosistema della Terra: ospita il 99% dello spazio abitabile del pianeta.
  • L’oceano copre circa il 71% della superficie terrestre e contiene più del 97% dell’acqua della Terra.
  • Il fitoplancton, una microalga che vive sulla superficie dell’oceano, produce, attraverso la fotosintesi, circa il 50-80% dell’ossigeno che respiriamo. 
  • L’oceano stocca carbonio: assorbe enormi quantità di biossido di carbonio (CO₂), uno dei gas serra principalmente responsabili del cambiamento climatico.
  • L’oceano regola il clima su scala globale spostando il calore in giro per il pianeta. Le correnti calde si muovono dai poli verso l’equatore e tornano indietro dopo essersi raffreddate, influenzando i modelli meteorologici della Terra.
  • L’oceano fornisce milioni di posti di lavoro, beni e servizi alle persone di tutto il mondo. 

Salvaguardare gli ecosistemi marini è quindi della massima importanza se vogliamo proteggere il nostro pianeta dal cambiamento climatico, tutelare la nostra salute e quella di tutta la vita sulla Terra.

Le attività umane legate all’oceano

Gli esseri umani hanno esplorato e fatto uso delle risorse dell’oceano fin dall’inizio dei tempi. Diamo un’occhiata alle principali attività che svolgiamo grazie all’oceano e che sono considerate parte dell'”Economia Blu”, ovvero tutte le attività industriali basate sull’oceano. 

Oceano è importante_Decennio del Mare_5
Adrien Sala – Unsplash

Cibo

Il mare rappresenta circa il 17% della produzione globale di carne commestibile. È una fonte importante di cibo per le persone di tutto il mondo e, come sappiamo, la domanda globale di cibo è in aumento. Il cibo di origine marina contiene proteine, acidi grassi essenziali e micronutrienti biodisponibili, che sono particolarmente importanti nei paesi a basso reddito e con deficit alimentare. 

Il cibo dell’oceano può essere prodotto dalla pesca selvaggia o dalla maricoltura. Tuttavia, l’impatto della pesca può essere devastante per la salute dell’oceano e sono necessarie nuove politiche per salvaguardare gli ecosistemi marini.

Oceano è importante_Decennio del Mare_1
Pexels

Energia

Sapevi che le risorse energetiche marine, come le onde, le maree, le correnti e i gradienti di salinità e temperatura, possono essere utilizzate per la produzione di energia rinnovabile

Negli ultimi decenni, la ricerca ha portato a enormi progressi nelle tecnologie necessarie per sviluppare l’energia marina: l’oceano e le sue acque potrebbero essere la chiave per sviluppare un futuro più sostenibile.

Oceano è importante_Decennio del Mare_3
William William from Unsplash

Trasporti

Quasi il 90% del commercio globale avviene attualmente utilizzando le rotte marittime: l’oceano contiene tutte le più importanti rotte commerciali del pianeta.

Il settore del trasporto marittimo è una fonte di posti di lavoro per milioni di persone e fa parte di un intero cluster di attività economiche che creano un grande valore economico dall’oceano.

Oceano è importante_Decennio del Mare_4
Jeremy Bishop from Pexels

Attività ricreative

Sappiamo tutti che una vacanza al mare è sempre meglio! Il turismo, le attività ricreative e il divertimento rappresentano un’altra grande fetta dell’economia legata all’oceano e alle acque costiere. È della massima importanza sviluppare pratiche sostenibili in questo settore in modo da poter continuare a godere del mare e delle sue meraviglie. Così facendo, sosterremo anche le isole, le comunità costiere e i loro abitanti. 

Oceano è importante_Decennio del Mare_5
Hal Gatewood-Unsplash

Nuove attività estrattive

Negli ultimi anni, l’oceano è stato ulteriormente esplorato, nuove industrie sono state stabilite e hanno prosperato. Queste includono l’estrazione di componenti per scopi medicinali, la coltivazione di alghe per cibo e carburante e l’estrazione di nuove materie prime.

Le minacce che affronta l’oceano

Con la crescita dei bisogni delle persone e dell’economia, cresce anche l’impatto che l’uomo ha sull’oceano. È essenziale, in questo momento, ripensare il nostro rapporto con l’oceano e lavorare verso un approccio più sostenibile.

La principale minaccia da affrontare è l’inquinamento dell’oceano e, come si può ben immaginare, la maggior parte di esso proviene dalle attività umane, sia lungo le coste che nell’entroterra. Ecco alcune delle principali cause dell’inquinamento marino.

Oceano è importante_Decennio del Mare_5
Gije Cho – Pexels

Inquinamento da fonti non puntuali – Deflusso

L‘inquinamento NPS è il risultato del deflusso del terreno, delle precipitazioni e della deposizione atmosferica. 
Con le piogge o le nevicate che si muovono attraverso il terreno, gli inquinanti raccolti e trasportati si depositano alla fine in laghi e fiumi, e poi sono portati fino all’oceano. 

L’inquinamento da fonti non puntuali può includere:

  • Eccesso di fertilizzanti, erbicidi e insetticidi
  • Olio e sostanze chimiche tossiche provenienti dalle automobili
  • Sedimenti provenienti da cantieri mal gestiti
  • Depositi di terra e minerali dall’irrigazione e dalle miniere abbandonate
  • Batteri e nutrienti dal bestiame e da sistemi settici difettosi

Come prevenire l’inquinamento da fonti non puntuali? Tutti noi possiamo fare qualcosa nella nostra vita quotidiana per prevenire l’inquinamento. Ecco una lista di base di quello che puoi fare:

  • Tenere i rifiuti fuori dalle grondaie e dagli scarichi stradali: attraverso questi, i rifiuti vengono spesso passati direttamente a laghi, fiumi e zone umide.
  • Usa prodotti naturali per il giardino.
  • Sbarazzati correttamente dell’olio usato e di altri prodotti chimici (cioè non nelle fogne o negli scarichi).
  • Assicurati che il tuo sistema settico funzioni correttamente con ispezioni di routine.
  • Usa prodotti per la casa a basso contenuto di fosforo.

Scarico diretto o intenzionale

Lo scarico intenzionale è causato da persone che decidono che il posto migliore per scaricare sostanze chimiche tossiche e detriti sono i nostri corsi d’acqua.

Gli scarichi diretti includono:

  • Rifiuti tossici da impianti industriali
  • Materiali fognari passati direttamente nell’oceano
  • Scarichi deliberati da petroliere e imbarcazioni che non rispettano i regolamenti 
  • Rifiuti gettati in acqua, la maggior parte dei quali sono di plastica

Perdite di petrolio o sostanze chimiche

Le fuoriuscite di petrolio e di prodotti chimici sono dette fonti di inquinamento puntuale, perché provengono da una singola fonte. Quelle risultanti da strutture danneggiate o difettose sono anch’esse considerate un tipo di inquinamento puntuale. 

Questi eventi sono tipicamente causati da incidenti e possono avere un impatto estremamente distruttivo sull’ambiente circostante. Fortunatamente, non accadono molto spesso e di solito vengono affrontati prontamente. 

Tuttavia, come tutti sappiamo, il petrolio greggio è molto difficile da pulire e ha effetti devastanti a lungo termine sugli ecosistemi marini

Le fuoriuscite di petrolio non sono gli unici modi in cui le navi inquinano il mare: scaricano in acqua anche detriti di plastica, rifiuti umani e grandi quantità di carburante. Per non parlare dell’inquinamento acustico che producono, che altera l’equilibrio della vita marina. 

Oceano è importante_Decennio del Mare_5
Dustan Woodhouse from Unsplash

Abbandono di rifiuti (littering)

La spazzatura nell’oceano e nei corsi d’acqua è un effetto dell’abbandono dei rifiuti in generale, anche se lontano dall’entroterra, e non solo il risultato dei detriti gettati direttamente in mare: i sistemi di scarico delle acque portano i rifiuti dell’entroterra fino all’oceano. I detriti marini provengono dagli esseri umani, sia da fonti terrestri che oceaniche. 

Esempi comuni di detriti marini possono essere oggetti di plastica, come borse della spesa e bottiglie, involucri di plastica e attrezzi da pesca.

È ormai noto che il littering e l’inquinamento marino causano la formazione di zone ad alta concentrazione di rifiuti che si trovano al centro dei vortici dell’oceano. I vortici, o gyres, sono correnti oceaniche rotanti; ce ne sono cinque: uno nell’Oceano Indiano, due nel Pacifico e due nell’Oceano Atlantico.

Come prevenire l’inquinamento causato dal littering: per risolvere il problema dei detriti marini, e specialmente quello dei rifiuti di plastica, dobbiamo cambiare l’approccio della società all’uso e allo smaltimento della plastica.

Estrazione mineraria nell’oceano e nelle profondità marine

L’estrazione mineraria in alto mare consiste nel perforare il fondo dell’oceano per estrarre materiali come oro, litio, cobalto, rame e zinco.

Questa attività è devastante per l’equilibrio dei livelli più profondi del mare, la maggior parte dei quali è ancora inesplorata. Non solo distrugge gli habitat e gli ecosistemi, ma porta anche alla creazione di depositi di solfuro, il cui impatto ambientale dannoso non è ancora ben compreso. 

Alcuni scienziati avvertono che, per estrarre minerali preziosi, potremmo distruggere interi ecosistemi e spazzare via intere specie che non abbiamo ancora scoperto.

Ne vale davvero la pena?

Oceano è importante_Decennio del Mare_5
Coral reef in Sombrero Island, Philippines Jett Britnell – Ocean Image Bank

Come bilanciare economia e conservazione

Diamo un’occhiata ad alcune strategie che possiamo attuare, sia nella nostra vita quotidiana che su scala più ampia, per bilanciare il nostro uso dell’oceano e la salvaguardia dei suoi ecosistemi e della sua salute.

Ridurre l’inquinamento marino

Una delle cose più importanti che possiamo fare è impedire ai rifiuti e alla plastica di entrare nell’oceano. A livello individuale, dovremmo tutti cercare di ridurre il nostro consumo, in particolare degli oggetti di plastica monouso, così come sostenere e incentivare la produzione e l’uso di alternative valide e sostenibili.

Ecco alcuni altri cambiamenti verso cui possiamo lavorare come società:

  • Eliminare la combustione del carbone, che a sua volta ridurrà l’inquinamento da mercurio;
  • passare dai combustibili fossili alle energie rinnovabili;
  • vietare l’uso di oggetti di plastica monouso, come cannucce e borse di plastica;
  • controllare meglio la produzione dell’inquinamento costiero;
  • espandere le aree marine protette per salvaguardare gli ecosistemi critici.

Gestire la produzione alimentare in modo sostenibile

La popolazione mondiale sta aumentando e così la produzione di cibo. Tuttavia, dobbiamo fare del nostro meglio per creare una crescita sostenibile in questo settore. Per esempio, possiamo lavorare per l’implementazione di una governance globale dell’oceano e di catene di approvvigionamento più trasparenti, che a sua volta rafforzerebbe le opportunità per le comunità locali e le città costiere. 

Questo comporterebbe, per esempio, l’aumento del monitoraggio, del controllo e della sorveglianza per evitare la pesca illegale e non regolamentata, un’attività che ha effetti disastrosi sugli ecosistemi dell’oceano. 

È anche essenziale evitare le pratiche di pesca dannose e la pesca eccessiva, così come l’implementazione di politiche che minimizzino l’impatto ambientale dell’acquacoltura.

Mitigare il cambiamento climatico

Come abbiamo spiegato, il cambiamento climatico e l’oceano sono inestricabilmente connessi. Per evitare di aggravare la crisi del riscaldamento globale, dobbiamo affrontare il modo in cui trattiamo il nostro oceano. L’attenzione negli anni seguenti sarà su:

Decarbonizzare il trasporto marittimo

Il trasporto marittimo è responsabile di circa il 30% delle emissioni globali di NOx, che sono state collegate a migliaia di morti gravi e premature nelle zone costiere.

È quindi essenziale lavorare per ridurre le emissioni del trasporto marittimo.

Sviluppare energia pulita e basata sull’oceano

La rivoluzione dell’energia rinnovabile basata sull’oceano è già iniziata: tutto quello che dobbiamo fare ora è aumentare gli investimenti per permettere l’adozione di nuove tecnologie. Naturalmente, possiamo sfruttare la potenza dell’oceano solo mantenendo un occhio attento a minimizzare l’impatto sugli ecosistemi marini.

Promozione del turismo sostenibile

Raggiungere un turismo marino e costiero sostenibile che sia in grado di resistere e superare le crisi future è possibile, ma richiede importanti investimenti pubblici e privati. Ad esempio promuovere soluzioni basate sulla natura, reinvestire le entrate generate dal turismo nelle comunità locali e nei progetti di sostenibilità e incoraggiare la trasparenza in tutte le attività.

Evitare la perdita di biodiversità e proteggere le acque costiere

Un altro modo per promuovere uno sviluppo ecocompatibile è sostenere la protezione e la conservazione delle acque costiere e degli ecosistemi marini. 

Per esempio, con la creazione e il sostegno di aree marine protette e lo sviluppo di infrastrutture basate sulla natura che possono aiutare le comunità locali a gestire le attività marine in modo sostenibile.

Non è assolutamente troppo tardi! Insieme, possiamo lavorare per la creazione di un’Economia Blu sostenibile e olistica.

Oceano è importante_Decennio del Mare_5
Ryan Pernofski Unsplash

Bibliografia

https://oceanservice.noaa.gov/facts/why-care-about-ocean

https://www.weforum.org/agenda/2019/08/here-are-5-reasons-why-the-ocean-is-so-important/

https://oceanconservationtrust.org/think-ocean/why-is-the-ocean-important/

https://www.wave-utilities.co.uk/advice-guidance/blog/why-our-oceans-are-important-human-life-and-our-planet

https://www.nationalgeographic.org/media/why-ocean-matters/

https://lisbdnet.com/why-is-the-ocean-important-to-humans/

https://www.theoceanpreneur.com/impact/ocean-education/seven-reasons-ocean-important/

https://geoblueplanet.org/ocean-resources/